We all live in Pornolandia

E’ uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo. Il mio.

Ogni settimana ho una decina di computer che necessitano delle mie cure, e dopo anni di lavoro posso darvi qualche numero concreto riguardo.

Circa il 30% mi viene portato perchè “il computer è lento”.  Circa il 30% di questi sono computer dei primi anni 2000, ormai obsoleti all’inverosimile, il cui proprietario è convinto che si possano rendere dei quad core extreme “mettendo un po’ di memoria” -cosa probabilmente suggeritagli da qualche amico estremamente competente-.  Solo il 10% di questi ha una lentezza riconducibile a danni hardware (quasi sempre all’hard disk).  Il rimanente 60% di questi rientra nella categoria successiva.

Il 40% del totale sono computer infettati da millemila virus, provenienti da navigazione in siti xxx e download sconsiderati dalla fabbrica di virus per antonomasia, emule.

Su questo ci sarebbe da aprire un nuovo capitolo. Ci sono quelli che cercano di portati il computer ripulito per quanto possibile da ogni traccia delle loro navigazioni,  i più n00b si limitano alla cronologia, quelli più pro vanno più a fondo, ma non quanto basta dal momento che sono costretti comunque a portarmi il pc a sistemare.

Poi ci sono i casi disperati come quello che mi ha portato in negozio un pc che all’accensione presentava tutte le icone sul desktop con effigi di cazzetti e vagine di ogni sorte, e ad intervalli di 5 minuti apre autonomamente pagine internet su siti veramente interessanti. Solitamente questo computer viene consegnato in negozio da un amico del proprietario (leggi direttamente dal proprietario).

Ci sono poi quelli, insospettabili, che ti portano il pc, che non ha nessuna traccia di navigazioni strane, cookie VM18 o cose simili… ma alla richiesta di formattazione da parte del cliente, apri lo slot dell’unità ottica per inserire il DVD di ripristino del sistema e… cosa ti trovi? Un ricercatissimo DVD porno-gay-interracial. Sublime. Ancora più sublime quando la moglie del cliente viene a ritirarlo in negozio e ti chiede il motivo del danno subito al pc. Dal momento che non  era, ovviamente dipeso dalla visione del DVD ho tralasciato il dettaglio, non volevo rovinare così un matrimonio. Sono buona in fondo in fondo.

Poi ci sono computer che non sono infettati da virus di dubbia (o sicura?) provenienza, ma che nascondono una cronologia di chat su Skype degna dei migliori racconti erotici. Cam-to cam di madri di famiglia che danno sfogo alle loro voglie lussuriose con 50enni dotati che mostrano la loro mercanzia e la commentano dettagliatamente in chat.

I migliori però sono i computer degli adolescenti, di ambo i sessi,  la cui cronologia è sempre svuotata (hanno imparato bene grazie a yahoo answers) ma i cui campi hanno la cronologia digitazione attiva, e ti permettono di conoscere i loro interessi e dubbi di argomento sessuale. Le domande da giornalini quali Cioè non sono passate di moda, ve lo assicuro.

Il rimanente 30% di computer,  sono danni hardware (schermi rotti, tasti mancanti nella tastiera..) o upgrade di HD o memorie varie.

Insomma, secondo me per un lavoro come il mio dovrebbe esistere una sorta di segreto professionale, un giuramento di Ippocrate alla pari di quello dei medici, perchè quando si affida un pc ad uno sconosciuto, che lo esplora -per lavoro- nelle sue più nascoste parti, possono venire fuori elementi sufficienti a rovinare reputazioni e famiglie.  Dal momento che non esiste, io racconto.

Annunci

Misantropia unica via

Partiamo dal presupposto che non me ne frega una cippa. E su questo non ci piove. Attualmente sono 4 giorni pieni che sono chiusa in casa, e sinceramente non sento nemmeno la necessità di uscire (o forse manca la motivazione necessaria). Lavoro giusto quelle 14 ore giornaliere per rimanere in pari con tutto, spengo persino ogni fonte di rumore, che sia tv, radio o suoneria del cellulare. Io e il silenzio. Ah…. Oggi ho fatto un passo avanti, sono passata dal pigiama alla tuta. Sono quasi fiera di me stessa e di questo attacco di narcisismo.
Fingo di non sapere che i miei compagni di corso si stanno rodendo il fegato a suon di esami. Io me ne sto nella mia global relax per il momento. Mi porrò il problema più avanti.
Ho anche iniziato un libro si. Il 2 gennaio se non sbaglio. È ancora a pagina 2 dell’ebook reader che non ricordo bene dove ho messo. Eppure riesco a far passare il tempo lo stesso. Cazzo quante cose mi sto perdendo.

Bene. Posso ritornare al computer.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: