We all live in Pornolandia

E’ uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo. Il mio.

Ogni settimana ho una decina di computer che necessitano delle mie cure, e dopo anni di lavoro posso darvi qualche numero concreto riguardo.

Circa il 30% mi viene portato perchè “il computer è lento”.  Circa il 30% di questi sono computer dei primi anni 2000, ormai obsoleti all’inverosimile, il cui proprietario è convinto che si possano rendere dei quad core extreme “mettendo un po’ di memoria” -cosa probabilmente suggeritagli da qualche amico estremamente competente-.  Solo il 10% di questi ha una lentezza riconducibile a danni hardware (quasi sempre all’hard disk).  Il rimanente 60% di questi rientra nella categoria successiva.

Il 40% del totale sono computer infettati da millemila virus, provenienti da navigazione in siti xxx e download sconsiderati dalla fabbrica di virus per antonomasia, emule.

Su questo ci sarebbe da aprire un nuovo capitolo. Ci sono quelli che cercano di portati il computer ripulito per quanto possibile da ogni traccia delle loro navigazioni,  i più n00b si limitano alla cronologia, quelli più pro vanno più a fondo, ma non quanto basta dal momento che sono costretti comunque a portarmi il pc a sistemare.

Poi ci sono i casi disperati come quello che mi ha portato in negozio un pc che all’accensione presentava tutte le icone sul desktop con effigi di cazzetti e vagine di ogni sorte, e ad intervalli di 5 minuti apre autonomamente pagine internet su siti veramente interessanti. Solitamente questo computer viene consegnato in negozio da un amico del proprietario (leggi direttamente dal proprietario).

Ci sono poi quelli, insospettabili, che ti portano il pc, che non ha nessuna traccia di navigazioni strane, cookie VM18 o cose simili… ma alla richiesta di formattazione da parte del cliente, apri lo slot dell’unità ottica per inserire il DVD di ripristino del sistema e… cosa ti trovi? Un ricercatissimo DVD porno-gay-interracial. Sublime. Ancora più sublime quando la moglie del cliente viene a ritirarlo in negozio e ti chiede il motivo del danno subito al pc. Dal momento che non  era, ovviamente dipeso dalla visione del DVD ho tralasciato il dettaglio, non volevo rovinare così un matrimonio. Sono buona in fondo in fondo.

Poi ci sono computer che non sono infettati da virus di dubbia (o sicura?) provenienza, ma che nascondono una cronologia di chat su Skype degna dei migliori racconti erotici. Cam-to cam di madri di famiglia che danno sfogo alle loro voglie lussuriose con 50enni dotati che mostrano la loro mercanzia e la commentano dettagliatamente in chat.

I migliori però sono i computer degli adolescenti, di ambo i sessi,  la cui cronologia è sempre svuotata (hanno imparato bene grazie a yahoo answers) ma i cui campi hanno la cronologia digitazione attiva, e ti permettono di conoscere i loro interessi e dubbi di argomento sessuale. Le domande da giornalini quali Cioè non sono passate di moda, ve lo assicuro.

Il rimanente 30% di computer,  sono danni hardware (schermi rotti, tasti mancanti nella tastiera..) o upgrade di HD o memorie varie.

Insomma, secondo me per un lavoro come il mio dovrebbe esistere una sorta di segreto professionale, un giuramento di Ippocrate alla pari di quello dei medici, perchè quando si affida un pc ad uno sconosciuto, che lo esplora -per lavoro- nelle sue più nascoste parti, possono venire fuori elementi sufficienti a rovinare reputazioni e famiglie.  Dal momento che non esiste, io racconto.

Annunci

10 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Sergio
    Gen 19, 2012 @ 15:49:55

    Mitiche le milf in cam su Skype: lasciami qualche Nick da contattare

    Rispondi

  2. marco
    Gen 19, 2012 @ 22:35:41

    Ma quanto ti do ragione! A me é capitata anche il pc di Lei con sfondo desktop lui con l’uccello di fuori! E quale donna non esibirebbe l’uccello del proprio lui in pubblico! La discrezionalità anche per noi oggi é all’ordine del giorno, perché se dovessimo dire tutto…

    Rispondi

  3. dovenonso
    Feb 02, 2012 @ 11:25:30

    Forse dovrebbe esistere, difficile resistere alla tentazione di esplorare i pc altrui quando te li danno in mano 😉
    Nel mio piccolo, tutte le volte che ho avuto problemi al pc sono stati problemi hardware ( l’ ultima volta il disco fisso si era danneggiato fisicamente ed ogni accensione del pc equivaleva ad accendere un cero a lourdes ).
    Tornando agli affari altrui, una volta un collega mi ha chiesto di masterizzargli un dvd, un porno ovviamente ahahah

    Rispondi

  4. zerahblog
    Feb 02, 2012 @ 20:34:55

    bell’articolo 🙂

    Rispondi

  5. Poltro
    Feb 05, 2012 @ 21:37:53

    True story! L’ultima volta mi son trovato un video di Belen in attesa di masterizzazione…

    Rispondi

  6. Gianluca (@Genjuro75)
    Feb 08, 2012 @ 13:22:12

    Quanto è vero questo articolo! Solo chi ci lavora nell’assistenza può capire la situazione.Ormai i pc li prendo con i guanti in lattice considerando quello che ci fa la gente,per gli amici più stretti minidistro linux da penna usb per non lasciar traccia e non venire a rompermi con virus et similia ogni giorno 😉

    Rispondi

  7. giuliano olivati (@olivati)
    Feb 09, 2012 @ 01:20:19

    sembrano le leggende metropolitane da pronto soccorso… O_o

    Rispondi

Parliamone...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: