Temevo questo momento.

Lo temevo, ed è arrivato. Pensavo fosse una leggenda metropolitana, che davvero nessuno avesse mai potuto anche solo pensare una cosa simile. E invece…

É  appena arrivata la telefonata, era una cliente disperata. Il suo computer (portatile) era posseduto, viveva di vita propria.

Era bloccato, non ne voleva saperne di sbloccarsi in nessun modo. Non restava  che una cosa da fare, spegnerlo. Togliendo la spina. Ma diamine! Resta acceso! Aiuto!

 

A voi l’ardua sentenza.

Vado a morire.

Advertisements

Parliamone...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: